» Cronaca - Reggio Emilia

Reggio Emilia, estorsioni a ristoranti e pizzerie: tre persone in manette

Condividi su Google+

Il 5 novembre scorso il padre, condannato per mafia nel processo Aemilia, per circa 10 ore tenne in ostaggio cinque persone all’interno dell’ufficio postale di Pieve a Reggio Emilia, prima di essere arrestato dai carabinieri. I tre figli, invece, le scorse settimane hanno tenuto sotto tensione ristoratori e pizzaioli di Reggio Emilia con richieste estorsive, precedute da biglietti minacciosi dattiloscritti e seguite da esplosioni di colpi di pistola all’indirizzo delle attività commerciali.

Questa la strategia estorsiva a “conduzione familiare” messa in piedi dai tre fratelli calabresi, originari della piana di Rosarno, sottoposti a fermo di Polizia Giudiziaria dai carabinieri della Compagnia di Guastalla congiuntamente ai colleghi della stazione di Cadelbosco Sopra e del Nucleo Investigativo del comando Provinciale di Reggio Emilia che, sotto il coordinamento della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Reggio Emilia, hanno posto fine alla scia di terrore che i tre avevano posto in essere nei confronti dei ristoratori e titolari di pizzerie di Reggio Emilia e provincia.




Linea Radio Multimedia srl • P.Iva 02556210363 • Cap.Soc. 10.329,12 i.v. • Reg.Imprese Modena Nr.02556210363 • Rea Nr.311810
Tutti i loghi e marchi contenuti in questo sito sono dei rispettivi proprietari.
Bologna2000.com supplemento al quotidiano Sassuolo2000.itReg. Trib. di Modena il 30/08/2001 al nr. 1599 - ROC 7892 • Direttore responsabile Fabrizio Gherardi
Il nostro news-network: Sassuolo 2000 - Modena 2000 - Bologna 2000 - Reggio 2000 - Carpi 2000 - SassuoloOnLine
© 2019
· RSS PAGINA DI BOLOGNA · RSS ·
• 28 query in 0,453 secondi •