» Ceramica

Cersaie, l’importanza del paesaggio nell’opera di Camilo Rebelo

Condividi su Google+

Il primo appuntamento nella Galleria dell’Architettura del Cersaie si è svolto oggi, all’interno del programma culturale Costruire, abitare, pensare giunto alla decima edizione. Protagonista uno degli astri nascenti dell’architettura portoghese: Camilo Rebelo, classe 1972, laureato all’Università di Porto nel 1996. Rebelo ha tenuto lezioni alla Faculdade de Arquitectura di Porto e come professore invitato all’École Polytechnique Fédérale de Lausanne insieme a Eduardo Souto de Moura, alla Escuela Técnica Superior de Arquitectura Universidad de Navarra, all’Accademia di architettura di Mendrisio e attualmente al Politecnico di Milano. «Uno degli architetti di cui tanto sentirete parlare nei prossimi anni», l’ha definito lo storico dell’architettura Francesco Dal Co, introducendo il vincitore del primo premio al concorso per il Museu do Côa.

E proprio da quest’opera, progettata insieme a Tiago Pimentel, Rebelo ha iniziato la sua lezione, ricordando uno dei concetti fondamentali del suo lavoro: «Nella mia architettura ha grande importanza il contesto, che sia il panorama naturale oppure la città». E il Museu do Côa non fa eccezione: «Volevamo pagare un tributo al paesaggio», ha sottolineato Rebelo. Un museo costruito in mezzo a un parco archeologico, quello di Vale Côa appunto, dove una delle sfide più complicate stava nell’intervenire con un edificio su un ambiente naturale. Altro elemento del progetto è stato quello di replicare il più possibile il mondo del paleolitico, a cui è dedicato il museo, attraverso corridoi stretti e un’atmosfera che rappresentasse quella difficoltà che gli stessi archeologi hanno a posizionare esattamente l’inizio della storia umana.

Rebelo ha presentato diversi altri lavori. Tra questi il Museo del Porto, realizzato in quella che è la sua città natale: una casa ristrutturata, per celebrare uno dei vini più celebri del mondo. Il colore della facciata è nero, come il colore delle bottiglie di porto: in questo modo si distingue dalle facciate variopinte del centro della città, proprio come si distinguono le bottiglie della bevanda dagli altri vini rossi. La cantina è realizzata solo con misure che siano multipli dell’8 e dell’11, rispettivamente la somma di 1 e 7 e di 5 e 6, le quattro cifre dell’anno 1756 che è quello in cui la regione del Douro venne delimitata e garantita. Tra i progetti più importanti della carriera di Rebelo c’è anche il Progetto Ovo, uno spazio in legno per contenere l’installazione della scultura Semente di Rui Chafes. Ma ci sono anche case. Come la “cittadella” vista mare nelle Cicladi, realizzata per valorizzare al massimo il cielo e l’acqua. E come Promise: il progetto, iniziato sei anni fa, di una struttura quasi indistinguibile dalla natura, circa 70 chilometri a sud di Lisbona. Un insieme di frammenti, collegati fra loro a formare una casa scavata nella terra.

***

Sempre oggi si è tenuta la quinta edizione del premio ADI Ceramics & Bathroom Design Award. L’iniziativa punta a valorizzare i prodotti italiani più innovativi nei comparti della ceramica e dell’arredobagno ed è nata in collaborazione con ADI (Associazione per il disegno industriale), nell’ambito delle attività culturali del programma Costruire, Abitare, Pensare. La premiazione si è svolta all’interno del Padiglione 30, nello spazio dedicato alla mostra The Sound of Design. Alla premiazione ha partecipato, per Confindustria Ceramica, il vice presidente Emilio Mussini.

Sono stati premiati tre prodotti, uno per azienda, nell’ambito della ceramica e altrettanti in quello dell’arredobagno. Inoltre sono state assegnate due menzioni speciali, una per settore. Per quanto riguarda la ceramica le aziende premiate sono state Ceramica Fondovalle Spa con il prodotto 20Pure, Mosaico+ con Nuova Gamma e Decoratori Bassanesi con il prodotto Segments. Tra le aziende dell’arredobagno hanno vinto Stella Rubinetterie con Simple, Arblu con Sistema Pietrablu e Duka con Natura 4000. Le menzioni speciali sono andate a 41zero42 (nel settore della ceramica) e a Pba Spa con Ausili a scomparsa (settore arredobagno).

Per arrivare alla selezione dei vincitori una commissione di esperti, composta da Silvia Stanzani (designer), Oscar G. Colli (co-fondatore della rivista Il Bagno oggi e domani) e Valentina Downey (presidente ADI Delegazione Emilia-Romagna), ha esaminato nei primi giorni di fiera i prodotti esposti e selezionato quelli capaci di coniugare al meglio innovazione ed eccellenza progettuale. I prodotti individuati rappresentano una preselezione per l’ADI Design Index 2019, pubblicazione annuale in cui ADI raccoglie il miglior design italiano messo in produzione, selezionato dall’Osservatorio permanente del Design ADI, che comprende quindi prodotti o sistemi di prodotto di ogni merceologia, ricerche teorico-critiche, ricerche di processo o d’impresa applicate al design.




Linea Radio Multimedia srl • P.Iva 02556210363 • Cap.Soc. 10.329,12 i.v. • Reg.Imprese Modena Nr.02556210363 • Rea Nr.311810
Tutti i loghi e marchi contenuti in questo sito sono dei rispettivi proprietari.
Bologna2000.com supplemento al quotidiano Sassuolo2000.itReg. Trib. di Modena il 30/08/2001 al nr. 1599 - ROC 7892 • Direttore responsabile Fabrizio Gherardi
Il nostro news-network: Sassuolo 2000 - Modena 2000 - Bologna 2000 - Reggio 2000 - Carpi 2000 - SassuoloOnLine
© 2018
· RSS PAGINA DI BOLOGNA · RSS ·
• 14 query in 0,958 secondi •