» Cronaca - Reggio Emilia

La polizia interviene per alcuni casi di aggressione a giovani

Condividi su Google+

Nella settimana appena trascorsa la città di Reggio Emilia ha ospitato la Sesta edizione dei Giochi internazionali del Tricolore. La manifestazione sportiva ha portato un notevole afflusso di persone in città provenienti da tutte le parti del mondo. Al fine di garantire la sicurezza dei vari avvenimenti, la Questura di Reggio Emilia, di concerto con il Comando Provinciale dell’Arma dei Carabinieri, il Comando Provinciale della Guardia di Finanza e la Polizia Municipale di Reggio Emilia, ha predisposto un’intensa e coordinata attività di prevenzione e vigilanza dedicata all’evento.

In particolare, la serata più impegnativa per la garanzia dell’ordine e della sicurezza pubblica è stata quella di mercoledì 11 luglio u.s., quando, in concomitanza con la serata dei c.d. “Mercoledì Rosa” e con la proiezione su maxi schermo in Piazza Vittoria dell’incontro di calcio valevole per l’accesso alla finale della competizione della Coppa del Mondo, venivano predisposti dedicati servizi di vigilanza e prevenzione. In particolare venivano impiegate 3 pattuglie del locale Reparto Prevenzione Crimine, alcune decine di operatori tra Polizia di Stato, Carabinieri e Polizia Municipale (quest’ultima già in servizio per la manifestazione dei “Mercoledì Rosa”).

Durante il servizio sono stati effettuati posti di controllo, servizi di vigilanza fissa e dinamica presso i punti di maggiore aggregazione del centro cittadino e sono stati fermati e identificati quanti potessero destare sospetto di intraprendere azioni illegali o di disturbo.

Tuttavia, dalle ore 23 circa fino a circa le ore 01 venivano segnalati alcuni casi di aggressione ai danni di giovani. In particolare, le vittime riferivano di un gruppo di ragazzi di giovane età che agiva con il medesimo modus operandi: individuava le vittime designate tra i passanti, le avvicinava a piedi o in bicicletta e senza alcuna motivazione le aggrediva indifferentemente con calci, pugni, schiaffi per poi darsi alla fuga facendo perdere le proprie tracce. Le vittime riferivano altresì della presenza di un “leader” del gruppo, un cittadino di probabile origine nord africana. Gli episodi avvenivano a poca distanza l’uno dall’altro (Parco del Popolo, via San Carlo, via), tuttavia non è escluso che anche altri casi non denunciati alle forze dell’ordine siano avvenuti nello stesso frangente.

Immediata la risposta della Squadra Volante e della Squadra Mobile della Questura di Reggio Emilia che con un’intensa attività di indagine costituita dall’analisi dei filmati delle videocamere e dalla raccolta di testimonianze, ha identificato il “leader” del gruppo, un cittadino marocchino classe 1998, indiziato di essere l’autore di almeno due di questi odiosi e deplorevoli episodi. Lo stesso veniva denunciato all’Autorità Giudiziaria per il reato di lesioni.

Sono in corso ulteriori indagini per individuare i complici.

 




Linea Radio Multimedia srl • P.Iva 02556210363 • Cap.Soc. 10.329,12 i.v. • Reg.Imprese Modena Nr.02556210363 • Rea Nr.311810
Tutti i loghi e marchi contenuti in questo sito sono dei rispettivi proprietari.
Bologna2000.com supplemento al quotidiano Sassuolo2000.itReg. Trib. di Modena il 30/08/2001 al nr. 1599 - ROC 7892 • Direttore responsabile Fabrizio Gherardi
Il nostro news-network: Sassuolo 2000 - Modena 2000 - Bologna 2000 - Reggio 2000 - Carpi 2000 - SassuoloOnLine
© 2018
· RSS PAGINA DI BOLOGNA · RSS ·
• 18 query in 0,340 secondi •