» Bassa modenese

Processo Aemilia, cosa racconta al territorio? Iniziativa Cgil giovedì 14 giugno a San Felice sul Panaro

Condividi su Google+

La Cgil di Modena promuove per giovedì 14 giugno 2018 l’incontro pubblico “Processo Aemilia, cosa racconta al territorio?”. L’iniziativa si svolge alle ore 20.30 presso l’Auditorium di San Felice sul Panaro (Viale G. Campi, 43). Partecipano Erminio Veronesi della segreteria Cgil Modena, il giornalista Paolo Bonacini che sta seguendo per conto del sindacato il processo Aemilia (forum “Cgil Legalità: l’Emilia oltre Aemilia”), Gian Andrea Ronchi avvocato di parte civile per la Cgil di Modena e Reggio Emilia, Mirto Bassoli della segreteria Cgil Emilia Romagna.

Dopo due anni di dibattimento, dove sono stati ascoltati centinaia di testimoni, sta arrivando a conclusione il processo Aemilia: il più grande processo per mafia al Nord Italia, che ha messo al centro l’infiltrazione ‘ndranghetista nel tessuto socio-economico della regione Emilia Romagna, compresa l’Area Nord Modenese e il Reggiano.
La Cgil di Modena e quella di Reggio Emilia, insieme a Cgil Cisl e Uil regionali, si sono costituiti parte civile al processo per il danno subito in termini di compressione del diritto di rappresentanza sindacale e per la grave lesione dei diritti dei lavoratori causata dalla presenza mafiosa nelle aziende del territorio regionale.
Nell’udienza dello scorso 24 maggio i legali della Cgil hanno concluso esprimendo la “necessità  che la sentenza ricomponga il quadro dei diritti Costituzionali di chi lavora, sfigurati dall’azione della cosca criminale”.
Dalle testimonianze e dalle prove acquisite nel processo, emerge un quadro del mondo del lavoro calpestato, sfruttato, minacciato, sottopagato, umiliato, spaventato, proprio per la penetrazione della ‘ndrangheta nelle attività economiche.
Se non c’è libertà non c’è rappresentanza. Se i lavoratori non possono scegliere e decidere, i sindacati non possono esistere ed operare. E’ questa la principale ragione della costituzione di parte civile, ed  il rischio che corre un mondo del lavoro alterato e violentato dalle pratiche illegali, definendo così il danno patrimoniale, morale e democratico che subisce la Cgil dalla presenza della ‘ndrangheta in Emilia Romagna.
I Pubblici Ministeri hanno chiesto condanne pesantissime per gli imputati, in merito alle quali il Collegio giudicante si esprimerà entro poche settimane. Tuttavia è già ora evidente l’enormità di un quadro che descrive la condotta messa in atto dalla autonoma associazione mafiosa di stampo ‘ndranghetista sottoposta a processo: intimamente connessa con le attività economiche del territorio emiliano; perfettamente in grado di infiltrarle e di egemonizzare interi settori del mercato, capace di intervenire nei settori privati, come in quelli pubblici, nei trasporti come nell’edilizia o altrove, spesso con la complicità di una parte del mondo imprenditoriale e professionale, sostituendo i meccanismi concorrenziali con quelli intimidatori propri del metodo mafioso; in grado anche di penetrare o cercare complicità nel tessuto sociale ed in quello istituzionale.

Di questo e di tanti altri aspetti del processo Aemilia e dell’infiltrazione della criminalità organizzata in Emilia Romagna, si parlerà appunto nell’iniziativa del 14 giugno a San Felice sul Panaro. aperta al pubblico.




Linea Radio Multimedia srl • P.Iva 02556210363 • Cap.Soc. 10.329,12 i.v. • Reg.Imprese Modena Nr.02556210363 • Rea Nr.311810
Tutti i loghi e marchi contenuti in questo sito sono dei rispettivi proprietari.
Bologna2000.com supplemento al quotidiano Sassuolo2000.itReg. Trib. di Modena il 30/08/2001 al nr. 1599 - ROC 7892 • Direttore responsabile Fabrizio Gherardi
Il nostro news-network: Sassuolo 2000 - Modena 2000 - Bologna 2000 - Reggio 2000 - Carpi 2000 - SassuoloOnLine
© 2018
· RSS PAGINA DI BOLOGNA · RSS ·
• 16 query in 0,359 secondi •