» Carpi - In evidenza - Modena - Salute - Sassuolo

Giornata dell’AIDS: tutte le iniziative a Modena e provincia

31 nuovi casi in Provincia di Modena nel 2016, un trend in lieve diminuzione negli ultimi anni, si stima che 1.209 persone residenti in provincia vivano con HIV, la trasmissione per via sessuale è di gran lunga la prevalente (92% negli ultimi quattro anni), l’età media dei casi incidenti dell’ultimo anno è di 42 anni per gli uomini e di 37 per le donne, ancora in troppi fanno il test tardivamente (nel 2010-2016 il 52% ha fatto il test quando ormai la situazione immunitaria era compromessa).

Sono queste in estrema sintesi le tendenze che emergono dall’ultimo report dell’Osservatorio provinciale di Modena sull’Hiv pubblicato in occasione della Giornata mondiale della lotta all’AIDS (giovedì 1 dicembre) che si riferisce al 2016.

In questa occasione, l’Azienda USL e l’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Modena, col supporto di numerose associazioni di volontariato, propongono una serie di iniziative per tenere alta l’attenzione su questa malattia, sottolineare l’importanza della prevenzione e ricordare la gratuità del test Hiv, possibile anche in anonimato.

A Modena torna il “test day”, sabato 2 dicembre dalle 17 alle 20. Sarà possibile eseguire il test Hiv e ricevere informazioni sulle malattie sessualmente trasmesse in modo gratuito e anonimo. L’appuntamento è all’Informa-giovani in Piazza Grande. A Sassuolo venerdì 1 dicembre dalle 16 alle 18 sarà possibile visitare lo Spazio Giovani in occasione dell’Open Day del Distretto Sanitario – Villa Fiorita, Via F.lli Cairoli, 19. Sarà possibile confrontarsi con gli operatori per avere informazioni e consigli. Il “test day” si svolgerà anche a Carpi, sempre il 1 dicembre, al SERT di via Molinari, 2   dalle 8,30 alle 10,00.

È possibile trovare il programma completo delle iniziative e maggiori dettagli sui singoli eventi sul sito internet www.helpaids.it

“I dati dell’Osservatorio – commenta la prof.ssa Cristina Mussini, Direttore della Struttura Complessa di Malattie Infettive dell’Azienda Ospedaliero – Universitaria di Modena – sono positivi ma non devono farci abbassare la guardia. Se è vero, infatti, che il numero di nuovi casi è in leggero calo e che non abbiamo più i dati terribili degli anni Ottanta e Novanta, il fatto che il test venga fatto troppo tardi è un sintomo di una sottovalutazione del problema che non possiamo permetterci. Sottovalutazione che viene confermata dal fatto che, nel 92% dei casi la trasmissione sia avvenuta per via sessuale, con esatta parità tra rapporti di tipo etero e omosessuale. Di AIDS, infine, si muore meno, grazie ai farmaci sempre più potenti, se si riesce ad effettuare una diagnosi precoce. Questa consapevolezza, che è un successo per la medicina, non deve far sottovalutare il pericolo della malattia che rimane grave sia per i rischi che comporta, sia per l’impatto sulla qualità di vita del malato. Come giustamente sottolinea la campagna regionale, infatti, se non bisogna discriminare, è necessario non abbassare la guardia.”

 

I dati

Secondo il report annuale 2016, realizzato dall’Osservatorio Provinciale su HIV e AIDS dell’Azienda USL e dell’Azienda Ospedaliero – Universitaria di Modena, sono 31 i nuovi casi di infezione da HIV notificati in provincia di Modena (nel 2015 erano stati 35, nel 2014 erano stati 50, nel 2013 erano stati 42), di cui 24 uomini e 7 donne. Questo dato conferma il trend in calo cominciato nel 2015 rispetto agli anni precedenti. Un dato positivo che, però, deve essere confermato. Considerando l’intero periodo di attività dell’Osservatorio, a partire dal 1985, il numero totale di casi è stato di 2.348. Si stima che 1.209 persone residenti in provincia di Modena vivano con HIV (783 uomini e 426 donne).

In provincia, le persone malate di AIDS sono 274 pari a 39 ogni 100mila. L’HIV/AIDS, come dimostrano i Report degli ultimi anni, ha assunto anche a Modena le caratteristiche di una malattia a trasmissione sessuale, superando il concetto di “categorie di rischio” utilizzato in passato. La trasmissione per via sessuale è infatti di gran lunga quella prevalente (92%). Nel periodo 2013/2016, il 46% ha contratto l’infezione tramite rapporti eterosessuali non protetti, il 46% per rapporti omosessuali non protetti e il 2% per scambio di siringhe infette. Dai dati elaborati si registra un progressivo aumento dell’età delle persone che contraggono il virus. La classe d’età più interessata è quella fra i 30 e i 49 anni. Ancora troppe persone fanno il test tardivamente, questo comporta un ritardo nella diagnosi da infezione di HIV. Il 52%, infatti, nel periodo 2010-2016 ha effettuato il test avendo già una situazione immunitaria compromessa.

 

Dove fare il test

Nella nostra provincia è possibile eseguire il test gratuitamente e in modo anonimo accedendo direttamente (senza bisogno dell’impegnativa del medico) agli ambulatori che forniscono questo tipo di servizio. A Modena è possibile fare il test presso l’Azienda Ospedaliero-Universitaria nell’ambulatorio Malattie Infettive (con accesso diretto da lunedì a venerdì dalle 10.00 alle 12.00 in Via del Pozzo 71, tel. 059-4222120) e all’ambulatorio Malattie Sessualmente Trasmesse della Dermatologia (ingresso 16), da lunedì a venerdì dalle 8,00 alle 10,00 con accesso tramite impegnativa del medicina generale. A Carpi presso il SerT del Distretto sanitario (in Via Molinari 2) dal lunedì al venerdì dalle 8.00 alle 9.00 (necessaria la prenotazione telefonica allo 059 659921 dal lunedì al sabato dalle 8.30 alle 13.30) e a Mirandola presso il SerT, in via Smerieri 3, dal lunedì al venerdì dalle 8.00 alle 9.00.

La campagna informativa: attenzione per la prevenzione e impegno a contrastare lo stigma

“Proteggersi sempre, discriminare mai” è il messaggio della campagna regionale di informazione e sensibilizzazione rivolta ai cittadini. “È importante essere informati e comprendere che ogni diffidenza nei confronti di chi ha l’Hiv non è motivata” è un altro messaggio: all’attenzione per la prevenzione si affianca l’impegno a contrastare lo stigma, il pregiudizio nei confronti delle persone sieropositive o malate di Aids. Tra gli strumenti messi in campo (oltre a manifesti e video) anche una campagna web che parte in questi giorni su Google e Youtube e proseguirà nelle prime settimane del nuovo anno.

Tutte le altre iniziative in programma a Modena e nei Distretti sanitari della provincia sono raccolte nella pagina dedicata sul sito helpaids.

 




Linea Radio Multimedia srl • P.Iva 02556210363 • Cap.Soc. 10.329,12 i.v. • Reg.Imprese Modena Nr.02556210363 • Rea Nr.311810
Tutti i loghi e marchi contenuti in questo sito sono dei rispettivi proprietari.
Bologna2000.com supplemento al quotidiano Sassuolo2000.itReg. Trib. di Modena il 30/08/2001 al nr. 1599 - ROC 7892 • Direttore responsabile Fabrizio Gherardi
Il nostro news-network: Sassuolo 2000 - Modena 2000 - Bologna 2000 - Reggio 2000 - Carpi 2000 - SassuoloOnLine
© 2017
· RSS PAGINA DI BOLOGNA · RSS ·
• 12 query in 0,455 secondi •