» Ambiente - Modena

Caccia al via: dalla Regione l’ok alla preapertura

«Non sottovalutiamo il problema evidente dello stress della fauna dovuto al caldo e alla siccità ma, come Regione Emilia Romagna, abbiamo ritenuto di non fare modifiche rispetto alla preapertura in quanto sui nostri territori le specie comprese non sono in sofferenza e gli orari sono già ridotti”. Lo ha precisato Simona Caselli, assessora regionale all’Agricoltura, caccia e pesca, nel corso dell’incontro con i rappresentanti delle associazioni venatorie, agricole e dei soggetti interessati che si è svolto venerdì 1 settembre all’istituto Fermi di Modena per presentare il calendario venatorio regionale 2017-2018. Nella fase di preapertura i cacciatori potranno cacciare sabato 2 settembre e poi da domenica 3 settembre solo di giovedì e domenica, fino a giovedì 14 settembre. Si potranno cacciare da appostamento fisso e temporaneo tortore, gazze, cornacchie grigie, ghiandaie, merli.

L’apertura della stagione venatoria è prevista per domenica 17 settembre ma, come ha anticipato l’assessora Caselli, la Regione “sta valutando se rimandare a dicembre l’apertura per alcune specie stanziali per le quali anche gli stessi cacciatori hanno segnalato situazioni di difficoltà”. Nel suo intervento l’assessora ha messo inoltre in evidenza l’apporto dei cacciatori, “che agiscono come operatori dell’ecosistema”, nella gestione della tutela del territorio e “il calo preoccupante del loro numero dovuto in gran parte al mancato riconoscimento del loro ruolo sociale”. E il presidente della Provincia Gian Carlo Muzzarelli ha confermato il calo dei cacciatori anche nel territorio provinciale: oggi sono circa quattromila, contro i 15 mila di 12 anni fa, e oltre la metà di loro ha più di 60 anni. “Ma i cacciatori – ha evidenziato Muzzarelli – svolgono un’azione concreta e per noi fondamentale per il controllo e la cura del territorio”.

Presente anche il comandate della Polizia provinciale Fabio Leonelli che ha posto l’attenzione sui controlli sull’attività venatoria che si concentreranno sul tema del rispetto delle distanze di sicurezza da abitazioni e strade, un problema sul quale verte la maggior parte delle segnalazioni dei cittadini preoccupati dalla presenza di cacciatori vicino alle case.

Come ha spiegato Leonelli sullo svolgimento dell’attività venatoria sono  impegnati 15 agenti della Polizia provinciale e 70 guardie volontarie che garantiscono, con il coordinamento degli agenti, la vigilanza sul territorio.

Sottolineando l’attività di vigilanza, Leonelli ha ricordato che le distanze di sicurezza sono di 50 metri dalle strade e 100 dalle case mentre la sanzione prevista è di 206 euro.

Nel 2016, infatti, tra le principali violazioni riscontrate dalla Polizia provinciale in materia di caccia, spiccano il mancato rispetto delle distanze di sicurezza da abitazioni e strade con 20 verbali, le violazioni al calendario venatorio, soprattutto legate al mancato utilizzo dell’indumento ad alta visibilità (60 verbali), delle norme sul tesserino regionale (28 verbali), poi per cani vaganti incustoditi (13 verbali), per l’inosservanza delle regole sull’anagrafe canina e la tutela del benessere animale e la caccia in aree vietate.

Anche nel 2016, infine, tramite la consultazione on line della banca dati del programma informatico gestito dalla Regione,  sono stati elevati d’ufficio 101  verbali per mancata riconsegna del tesserino venatorio nei tempi di legge.

 

 




Linea Radio Multimedia srl • P.Iva 02556210363 • Cap.Soc. 10.329,12 i.v. • Reg.Imprese Modena Nr.02556210363 • Rea Nr.311810
Tutti i loghi e marchi contenuti in questo sito sono dei rispettivi proprietari.
Bologna2000.com supplemento al quotidiano Sassuolo2000.itReg. Trib. di Modena il 30/08/2001 al nr. 1599 - ROC 7892 • Direttore responsabile Fabrizio Gherardi
Il nostro news-network: Sassuolo 2000 - Modena 2000 - Bologna 2000 - Reggio 2000 - Carpi 2000 - SassuoloOnLine
© 2017
· RSS PAGINA DI BOLOGNA · RSS ·
• 12 query in 0,350 secondi •