» Bologna - Sanità

Riunificazione ospedali metropolitani: Direttori generali pronti a raccogliere la sfida lanciata dal Sindaco di Bologna

“Siamo pronti a raccogliere la sfida lanciataci dal Sindaco di Bologna, Virginio Merola, e a lavorare insieme per riunire gli ospedali metropolitani. Sappiamo che sarà un percorso complesso, ma siamo convinti che si tratti di un obiettivo tanto impegnativo quanto realizzabile, e che la determinazione, il realismo e l’entusiasmo che metteremo in gioco ci aiuteranno a valorizzare i tratti distintivi di ciascuna realtà, a garantire nuove opportunità di crescita alla comunità professionale e ad assicurare una maggiore qualità dei servizi ai cittadini”.

Così Chiara Gibertoni, Antonella Messori e Andrea Rossi, Direttori Generali rispettivamente della Azienda USL e della Azienda Ospedaliero-Universitaria di Bologna e dell’Azienda USL di Imola hanno commentato la proposta del Sindaco Virginio Merola per il superamento dell’attuale assetto degli ospedali metropolitani, a cominciare da Maggiore e dal Sant’Orsola, per puntare sulla loro riunificazione.

“Si tratta di continuare – ha proseguito Antonella Messori – un impegno comune già avviato da tempo e che può contare su una serie di esperienze di integrazione positive già portate a termine in questi anni, come il Laboratorio Unico Metropolitano, il Trasfusionale Unico metropolitano, la Medicina nucleare, le Malattie Infettive, la Pneumologia Interventistica, i Servizi Amministrativi. Riunire ora gli ospedali bolognesi consentirà di caratterizzarli ancora di più per la disponibilità di professionalità elevate, alta tecnologia e come punti di riferimento per le patologie più complesse”.

Per Chiara Gibertoni “E’ necessario rafforzare ulteriormente la capacità del nostro sistema sanitario di rispondere ai bisogni dei cittadini, bolognesi e non solo. Nella fase di riprogrammazione della rete territoriale e ospedaliera dell’area metropolitana – ha proseguito Gibertoni – l’investimento di maggior rilievo riguarda il territorio. Superare la frammentazione della offerta ospedaliera di secondo e terzo livello ci permetterà di liberare risorse utili per aumentare la nostra capacità di risposta, introducendo tutta l’innovazione necessaria a colmare la distanza tra la condizione attuale dei servizi e i bisogni e le aspettative dei cittadini. Anche su questo terreno i tempi sono maturi per un cambio di passo significativo”.

“Già oggi – conclude Andrea Rossi – i bisogni di cura più complessi non consentono interventi settoriali, ma richiedono sempre più spesso risposte che attraversano l’intera filiera ospedaliera, oltrepassando frequentemente i confini aziendali. L’integrazione ospedaliera rappresenta, pertanto, la migliore delle risposte possibili se si ha a cuore il miglioramento della relazione fra servizi e cittadini e la pratica attuazione del principio dell’equità di accesso alle cure. Non va sottovalutato, infine, il fatto che un sistema più integrato potrebbe trasmettere un forte messaggio di sostenibilità, coesione interna e credibilità.”




Linea Radio Multimedia srl • P.Iva 02556210363 • Cap.Soc. 10.329,12 i.v. • Reg.Imprese Modena Nr.02556210363 • Rea Nr.311810
Tutti i loghi e marchi contenuti in questo sito sono dei rispettivi proprietari.
Bologna2000.com supplemento al quotidiano Sassuolo2000.itReg. Trib. di Modena il 30/08/2001 al nr. 1599 - ROC 7892 • Direttore responsabile Fabrizio Gherardi
Il nostro news-network: Sassuolo 2000 - Modena 2000 - Bologna 2000 - Reggio 2000 - Carpi 2000 - SassuoloOnLine
© 2017
· RSS PAGINA DI BOLOGNA · RSS ·
• 14 query in 0,364 secondi •