» Nazionale - Salute

Febbre suina, spunta la teoria del virus creato in laboratorio: indaga l’Oms

Condividi su Google+

Potrebbe essere stato creato in laboratorio, magari per errore, il virus responsabile dell’influenza A/H1N1. Lo sostiene uno scienziato australiano, il virologo in pensione Adrian Gibbs. Sulla sua teoria, non ancora pubblicata sulle riviste scientifiche, ma riportata dai principali siti della stampa internazionale, stanno indagando l’Organizzazione mondiale della sanità e alcuni esperti internazionali in materia di influenza.

Secondo Gibbs, che studia l’evoluzione dei virus, il microrganismo non sarebbe un prodotto della natura. I geni del nuovo H1N1, sostiene, mostrano di essersi evoluti troppo rapidamente di quanto ci si aspetterebbe trattandosi di un virus ‘cresciuto’ nei maiali. Potrebbe aver trascorso del tempo in un ospite intermedio, prima di passare all’uomo, come volatili o mammiferi marini, ma potrebbe anche essere stato coltivato in uova di laboratorio – è la tesi dello scienziato australiano – e questo spiegherebbe l’insolita rapidità della sua evoluzione. Per sopravvivere in questo ambiente nuovo, spiega, il virus deve adattarsi rapidamente, cosa che invece non farebbe a tale velocità crescendo in un ‘ospite’ che già ben conosce. Il risultato sono le mutazioni genetiche identificate dagli scienziati nel nuovo H1N1.
Le uova sono usate nei laboratori e nei siti di produzione di vaccini, per far crescere i virus influenzali. Gibbs, che ha presentato le sue conclusioni a una rivista scientifica per la pubblicazione, ha informato della sua teoria l’Oms nel week end appena trascorso. “Non c’era alcun segnale – ha affermato il virologo, secondo quanto si legge sul ‘Canadian Press’ – che le autorità stessero seriamente prendendo in considerazione la possibilità che il virus fosse un prodotto di laboratorio. Mi è sembrata una buona idea venire allo scoperto e dire ‘i dati mi fanno pensare questo. Sarebbe ora di indagare'”. L’Oms ha chiamato a raccolta i ricercatori dei principali laboratori di virologia per verificare se quest’ipotesi ha fondamento. Gli esperti stanno ancora lavorando, ma le prime analisi non supporterebbero la teoria di un’origine del virus in laboratorio.Intanto le autorità cinesi hanno confermato oggi un secondo caso di influenza da virus H1N1. A denunciarne i sintomi è stato un ragazzo di 19 anni rientrato dal Canada. Il test effettuato sul paziente ricoverato in isolamento in un reparto dell’ospedale di Jinan, nella provincia di Shandong, ha confermato il contagio. Migliorano intanto le condizioni di salute del primo paziente che si è ammalato dopo il suo rientro dagli Stati Uniti.

Fonte: Adnkronos




Linea Radio Multimedia srl • P.Iva 02556210363 • Cap.Soc. 10.329,12 i.v. • Reg.Imprese Modena Nr.02556210363 • Rea Nr.311810
Tutti i loghi e marchi contenuti in questo sito sono dei rispettivi proprietari.
Bologna2000.com supplemento al quotidiano Sassuolo2000.itReg. Trib. di Modena il 30/08/2001 al nr. 1599 - ROC 7892 • Direttore responsabile Fabrizio Gherardi
Il nostro news-network: Sassuolo 2000 - Modena 2000 - Bologna 2000 - Reggio 2000 - Carpi 2000 - SassuoloOnLine
© 2009
· RSS PAGINA DI BOLOGNA · RSS ·
• 16 query in 0,587 secondi •